31 Gennaio 2024

Tumore alla prostata, migliorando la forma fisica il rischio cala

News

31 gennaio 2024 – Un aumento annuale del 3% o più nella forma fisica (fitness cardiorespiratorio) potrebbe ridurre del 35% il rischio di sviluppare il cancro alla prostata, secondo una ricerca pubblicata online sul British Journal of Sports Medicine da Kate Bolam della Swedish School of Sport and Health Sciences GIH a Stoccolma. I risultati suggeriscono che gli uomini dovrebbero essere incoraggiati a migliorare il loro livello di fitness per contribuire a ridurre le loro possibilità di contrarre la malattia, per la quale di fatto esistono relativamente pochi fattori di rischio conosciuti. I ricercatori svedesi hanno analizzato un database che raccoglie informazioni sull’attività fisica, lo stile di vita, la salute percepita, la misurazione del peso e dell’altezza e i risultati di almeno 2 test di forma cardiorespiratoria, misurati pedalando su una cyclette, per 57.652 uomini. Il campione è stato diviso in gruppi in base al fatto se gli individui aumentassero la propria forma fisica annualmente di più del 3%, la diminuissero di oltre il 3% o rimanessero stabili.

Tutti i partecipanti sono stati monitorati nel tempo. Durante un periodo medio di quasi 7 anni, 592 uomini (1% del campione totale) hanno sviluppato il cancro alla prostata, e 46 (0.08%) sono morti a causa della malattia. Un aumento percentuale annuale nella forma fisica cardiorespiratoria assoluta è stato associato a un rischio inferiore del 2% di cancro alla prostata, a parità di altri fattori di rischio, tra cui età, livello di istruzione, anno del test, peso (BMI) e abitudine al fumo. Coloro la cui forma fisica era migliorata del 3% o più all’anno avevano il 35% in meno di probabilità di sviluppare il cancro alla prostata rispetto a coloro la cui forma fisica era diminuita. “I risultati evidenziano l’importanza della forma cardiorespiratoria per il rischio di cancro alla prostata”, spiegano gli autori; “Dovrebbe essere incoraggiato il miglioramento della forma cardiorespiratoria negli adulti di sesso maschile, e ciò potrebbe ridurre il rischio di cancro alla prostata”, concludono.

BACK

PARLANO DI NOI

ADERISCI ALL’INIZIATIVA

LASCIA LA TUA FIRMA

SCOPRI DI PIÙ